Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 

CONTO TERMICO 2.0

Grazie ai rendimenti superiori al 90% ed alle bassissime emissioni la termocucina a fiamma inversa può beneficiare a pieno merito degli incentivi previsti dal conto termico 2.0
 
CHE COSA E' IL CONTO TERMICO?

Il 31/05/16 è entrato in vigore il  “Conto Termico 2.0”.
Si tratta di un contributo in denaro concesso per l’acquisto di stufe, termocamini e caldaie a biomassa che rispondano a particolari requisiti e che siano installate in sostituzione di alcune tipologie di impianti di riscaldamento già esistenti. A differenza di una detrazione fiscale l'incentivo viene erogato direttamente dal GSE al richiedente in un’unica soluzione entro 2 mesi dalla data di attivazione del contratto.

CHI PUÒ RICHIEDERLO?

Possono accedere al Conto Termico:Privati o Amministrazioni Pubbliche, che sostituiscono un vecchio apparecchio a gasolio, olio combustibile, carbone o biomassa con un nuovo apparecchio a biomassa. Aziende agricole o imprese operanti nel settore forestale che installano un apparecchio a biomassa nuovo (anche non in sostituzione) o sostituiscono un apparecchio a GPL con uno a biomassa ad alta efficienza, in zona dove non è presente il metano.

CHE PRODOTTI RIENTRANO?

I prodotti per rientrare negli incentivi del Conto Termico, devono rispettare e dimostrare standard qualitativi molto restrittivi, sia in termini di rendimento che di emissioni in atmosfera omologati ai sensi delle norme UNI EN: 14785; 13229; 13240

COME RICHIEDERE IL CONTRIBUTO?

L’ente responsabile della valutazione delle domande e dell’erogazione dei contributi è il GSE, che tramite il “Portaltermico” fornisce tutti i dettagli utili e le procedure di richiesta dell’incentivo. 
La domanda deve essere presentata entro 60 gg dalla data di conclusione dell’intervento, la data di conclusione dell’intervento non può superare di più di 90 giorni la data in cui è stato effettuato l’ultimo pagamento.